Copyright 2019 - Custom text here

Epifania del Signore

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 2, 1-12

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”».
Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».
Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜˜

imagcentralI Magi vedono la stella, camminano e offrono doni.

Vedere la stella è il punto di partenza.

Solo i Magi hanno visto la stella? Forse perché in pochi avevano, alzato lo sguardo al cielo. Infatti nella vita ci si accontenta di guardare per terra, basta la salute, qualche soldo e un po’ di divertimento.

E mi domando: noi sappiamo ancora alzare lo sguardo al cielo? Sappiamo sognare? Desiderare Dio? Attendere la sua novità?
O ci lasciamo trasportare dalla vita come un ramo secco trasportato dal vento?

I Magi non si sono accontentati di vivacchiare, di vaneggiare. Hanno intuito che per vivere davvero serve una meta alta e perciò bisogna tenere alto lo sguardo.

La stella di Gesù non acceca, non stordisce, ma invita gentilmente.
Possiamo chiederci: quale stella scegliamo nella vita? Ci sono stelle abbaglianti che suscitano emozioni forti ma che non orientano il cammino.

La stella del Signore invece non è sempre folgorante, ma sempre presente e mite.
Ti prende per mano nella vita, ti accompagna. Non promette ricompense materiali ma garantisce la pace e dona come, hai Magi, una gioia grandissima.

Papa Francesco

f t g m

2bottom

1bottom

3bottom